Vi.Re.Dis. - Associazione Italiana Computer Game Therapy

Sabato 28 settembre 2013 ore 21.00Elevazione Musicaleconcerto corale e d'organo

Chiesa parrocchiale "S. Maria Assunta", Calcinate - BG -

   Il 28 settembre 2013 alle ore 21:00, a conclusione della giornata dedicata alla seconda edizione del Convegno “Gioc-abile”, l’associazione Vi.Re.Dis. onlus, in collaborazione con la Parrocchia e l’Oratorio di Calcinate, organizza un concerto corale di musica sacra presso la chiesa parrocchiale di Calcinate (BG).

   Dedicata a Santa Maria Assunta ed edificata in stile barocco su progetto di Filippo Juvarra (famoso per la Basilica di Superga a Torino) su un precedente luogo di culto, la chiesa ha un concerto di 10 campane in si calante e presenta numerose opere di valore, tra le quali spiccano L’Assunta di Francesco Coghetti, La Madonna che porge lo scapolare al Beato Simone Stock e a Papa Onorio III e la Crocifissione tra i Santi Valentino e Bonifacio, entrambi di Francesco Cappella. Di grande interesse è la Madonna col Bambino in trono e Santi di Siciolante da Sermoneta (1521-1580): la pala, dipinta dal pittore ad Ancona per la chiesa di San Bartolomeo, fu asportata in epoca napoleonica e depositata nella sacrestia della chiesa parrocchiale di Calcinate.

   Il concerto corale, che si terrà in questa meravigliosa cornice, vedrà protagonisti due cori che hanno partecipato a diverse manifestazioni nazionali e internazionali e un organista che suonerà lo stupendo organo Serassi 1815 op.351, uno dei più preziosi organi d’Italia realizzati dalla celebre dinastia di maestri organari comaschi, attivi per sei generazioni, dal 1720 al 1895.

   Il Coro Polifonico "Laus Deo" di Busto Arsizio (VA) si è costituito nel 1974 con l’intento di accostarsi a quel patrimonio inestimabile rappresentato dalla polifonia sacra: il suo repertorio si focalizza in particolare sulla polifonia rinascimentale e dell’Ottocento e Novecento. Attualmente consta di 35 elementi ed è diretto fin dalle origini dal M° Gabriele Mara.
   Durante questi anni di attività, il coro ha potuto affinare tecniche e capacità interpretative anche grazie a corsi di perfezionamento tenuti da maestri italiani e stranieri, tra cui il M.° E. Volk di Magonza.
   Nel maggio 1987 il coro ha tenuto una tournée in Germania, su invito dell'Accademia di Canto di Magonza, in occasione delle celebrazioni per l'Unità d'Europa, mentre nel novembre del 1990 ha tenuto una tournée in Cecoslovacchia e Austria con concerti a Bratislava e Vienna.
   Nel marzo 1999 ha eseguito il Membra Jesu Nostri di D. Buxtehude presso il monastero trappista di “Nostra Signora” di Valserana a Guardistallo (PI) in occasione del nono centenario della fondazione dell’ordine, alla presenza, in via del tutto eccezionale, delle monache di clausura, di numerosi padri abati di monasteri cistercensi e dei vescovi di Pisa e Volterra.
   Nel novembre 2002 ha tenuto una nuova tournée di notevole successo nella repubblica Ceca.
   Tra le esecuzioni più prestigiose in Italia, si possono annoverare le partecipazioni alle rassegne musicali “Primavera in S Marco” e “Avvento in S. Ambrogio” a Milano, esibizioni al Duomo di Milano, alla Collegiata di Castelseprio, in numerose chiese della Lombardia e di altre regioni italiane riscuotendo lusinghieri consensi di pubblico e critica.
   Il coro “Laus Deo” ha al suo attivo le incisioni di un  CD interamente dedicato all'opera di  F. Mendelssohn, la "Messa dell'Incoronazione" di W. A. Mozart e il "Membra Jesu Nostri" di D. Buxtehude.

   Il Coro “S. Pietro”nasce invece nell'omonima parrocchia di Treviglio (BG) con l'intento di animare le Solennità Liturgiche. L'interesse del Maestro e dei coristi si è però da sempre orientato anche verso una conoscenza molto approfondita della musica sacra, impegnandosi sempre più nello studio di partiture polifoniche.
   Il coro si è più volte esibito in composizioni di Maestri quali Bettinelli, Bach, Sequeri, Frisina, Scapin, Bordignon, Stravinskij e molti altri. Il coro, composto da circa venti voci dirette dal maestro Dario Rivoltella, è di giovane fondazione, ma sa impressionare il pubblico per la purezza del canto, per la professionalità di esecuzione e per la versatilità e la varietà delle proposte.
   Degno di menzione il concerto eseguito nel marzo del 2013 durante il quale, dopo l’esecuzione di brani “a cappella”, il coro si è unito al quintetto di fiati “Brianza Brass Quintet” in un repertorio molto versatile che ha spaziato dal classico Ave Verum  di Mozart, al contemporaneo Magnificat di Marco Frisina, a The Eternal Source of Light Divine di Haendel.
   
   A intervallare le esibizioni dei due cori, le esecuzioni dell’organista Giovanni Ghidoni, anch’egli maestro di coro, compositore, pianista accompagnatore e organista concertista per l’Associazione Harmonici.
   Esperto di programmi di editing e sequencing audio, conoscitore delle tecniche per la registrazione in sale discografiche e in ambienti quali teatri e chiese, esperto di fisica musicale degli strumenti e di acustica e fine conoscitore di storia e tecnica di costruzione di organi italiani, in particolare Serassi e Bossi, si troverà a suonare uno degli organi Serassi più famosi d’Italia, ritornato al suo splendore dopo un recente restauro.

   Poetico filo conduttore della serata, momento di profonda riflessione sulla nostra società, potente legame con la giornata di conferenze appena conclusa, sarà la visione di alcune immagini della mostra fotografica “… nella pozza di fango come nel divino cielo ugualmente passa la luna…”, visitabile dal 27 al 30 settembre presso il centro culturale “San Rocco” di Calcinate (vai alla pagina della mostra).
 

Clicca sul simbolo e scarica il programma del concerto


  


Come raggiungerci: Autostrada A4 (da Milano dir. Venezia, da Brescia dir. Milano) uscita Seriate, direzione Cassinone, Cavernago, Calcinate







 


Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint
Termini e Condizioni di MapQuest Le Mappe/Direzioni hanno valore informativo. Chi le utilizza si assume il rischio del loro uso. MapQuest, Vistaprint ed i loro fornitori non sono rappresentanti nè responsabili dei contenuti, delle condizioni delle strade, della fruibilità degli itinerari o della rapidità.